miele_natura
Il Miele
 

è il più antico dolcificante al mondo e uno dei pochi a non essere manipolato dall’uomo.
Ritenuto in passato il nettare degli dei, viene utilizzato oggi non solo in ambito culinario e medico ma, dulcis in fundo, anche della bellezza.

Miele, che storia!

La storia del miele proviene da molto lontano, e al tempo della civiltà Egizia era adorato a tal punto da porre interi vasi all’interno della tomba dei faraoni.
Ancora oggi quei vasi non solo sono intatti, ma contengono il “nettare degli dei” in perfetto stato, stagionato di 4000 anni!
Il valore del miele a quei tempi era noto a tal punto che il faraone Ramsete II pagava i suoi sudditi con interi vasi.
Al British Museum di Londra, è presente un papiro egizio che racconta una struggente leggenda attorno al dio sole Ra che, distrutto dall’amore infranto, piangeva di dolci lacrime di puro miele, lacrime custodite successivamente dalle api operaie.
Tra le tante storie che circondano il dolce miele, una in particolare è citata nel più antico testo religioso del mondo.
Nel Rig veda, libro indiano scritto circa 5000 anni fa, si fa cenno del miele e di un dio indiano molto simile a cupido, con in mano un arco e una corda costituita da uno sciame di api.
In Grecia il miele veniva utilizzato per creare l’idromele, bevanda derivante dalla fermentazione del miele, che secondo la leggenda è la bevanda degli dei.
Il poeta Virgilio adorava il miele, essendo anche apicultore, ma preferiva il miele di timo.
Nel Medioevo invece il miele veniva utilizzato per curare le malattie più comuni.
 

I benefici del miele sulla nostra salute

Il miele è il più antico tra i dolcificanti naturali, con una storia millenaria alle spalle, che ha soddisfatto i palati più fini e tutelato la salute per secoli.
Ricco di vitamine, il miele è una fonte di energia immediata, contro la stanchezza, affaticamento, per chi deve praticare sport o lavori mentali e manuali.
E’ un ottimo rimedio contro la tosse, anti-invecchiamento e ottimo digestivo.
E’ il nostro muro contro i virus, aumenta le difese immunitarie ed è un ottimo alleato contro l’insonnia e per i tanti odiati chili di troppo se utilizzato in quantità adeguate.
Il miele è molto utilizzato in campo cosmetico grazie alle sue dolci proprietà.
Molti cosmetici presentano al loro interno il miele, perché è perfetto per la pelle secca e per curare il benessere dei capelli, proteggendoli da agenti chimici e naturali, secchi e danneggiati da piastra e tinta chimica. Ha attirato particolare attenzione nel mondo bio.
Utile anche contro le punture di zanzare, arrossamenti e prurito.

 

Il miele, ripara DNA!

Attraverso una ricerca supportato dal Conapi, consorzio di circa 600 apicoltori ha dimostrato che i polifenoli presenti nel miele riescono ad attivare un processo di riparazione del dna che risulta danneggiato purtroppo dai pesticidi.
Sono stati analizzati volontari particolarmente esposti a pesticidi ed è stato sottoposto loro del miele per circa dieci giorni.
Il risultato è stato un innalzamento delle barriere immunitarie, e della capacità di riparazione del dna, un vero e proprio scudo contro le sostanze nocive.

 

Il miele biologico

Il miele è un alimento che si può conservare per lunghi periodi.
In Italia sono presenti circa 40 varietà di miele in base ai fiori come la lavanda, rosmarino,limone,castagno, achillea, arancio,timo e tanto altro.
Ma creare un miele biologico è simbolo di unicità che prevede delle regole da rispettare per essere certificati.
La distanza dell’alveare da città a grande percorrenza,con industrie è di circa 3 chilometri, senza utilizzare sostanze chimiche a tutela dell’alveare.
Il prodotto che ne deriva deve essere puro, ossia non microfiltrato, pastorizzato o miscelato.

 

Miele, che bontà in cucina!

Il miele è stato scoperto da poco come l’alimento in grado di insaporire, impreziosire e stupire i prelibati piatti e affascinare i palati più fini.
Dal primo al secondo, dal contorno al dolce, un vero e proprio must della cucina italiana, un arte che si sta diffondendo in tutto il mondo.
Come dimenticare i formaggi dal gusto deciso che si abbinano al dolce gusto di un letto di miele.
Teneri biscotti al miele fino ai più esotici piatti come l’ananas alla piastra con miele e cannella.
Il miele a tavola stupisce eccome!
 

Controindicazioni

Tra i numerosi benefici, non sono da sottovalutare effetti collaterali dovuti al sovradosaggio che potenzialmente può causare un aumento di peso e allergie.
Non adatto ai bambini piccoli perché potrebbe causare infezioni.

 

Curiosità

La nota espressione “luna di miele” viene utilizzata oggi per descrivere viaggi verso mete esotiche e romantiche dei neo sposi.
In realtà questa espressione nasce nell’antichità, dagli antichi babilonesi e indicava una bevanda chiamata l’idromele, una sorta di fermentazione del miele che veniva data agli sposi come buon auspicio per la nascita dei figli.
Come sappiamo le api passano di fiore in fiore raccogliendo il nettare per poi trasformarlo in un alimento che sarà una scorta di cibo durante l’ intero inverno.
Sapevate quanti chilometri impiega una singola ape per produrre un chilo di miele?
Circa 150.000 chilometri e un intero alveare può visitare circa 225.000 fiori.
Il miele più costoso al mondo proviene dal caldo Yemen, precisamente a Wadi Doan, raggiungendo la cifra di 100 dollari al chilo.
Non solo, alcune tribù del Nord Europa per tradizione mandavano gli sposi novelli verso mete sperdute in completa solitudine, con la sola capanna per quasi un mese (lunare). Senza cibo, ma pieno d’ amore e del solo miele.
Ecco svelato il segreto della “luna di miele”.

 

Marcello Paglialonga – Biofabene.it

 

Lascia un commento