L’Achillea
 

è una pianta originaria del Mediterraneo molto nota già nell’Antica Grecia.
Il termine “achillea” fu coniato dal botanico Linneo, per l’affascinante storia che circondava il leggendario Achille e la pianta di achillea che permise di curare le ferite di Télefo durante l’assedio di Troia.
Altre fonti invece sostengono che quando Achille venne colpito gravemente in battaglia da Paride, la dea Afrodite curò le sue ferite proprio con l’achillea.
La pianta è composta da fiori piccoli bianchi o rosa, dal profumo delicato è presente dal periodo primaverile fino all’estate.
In passato veniva posta una particolare attenzione verso questa pianta, così curativa e dalle immense proprietà da entrare nella leggenda del grande Achille.
I celti la utilizzavano per i loro riti spirituali ritenuti magici, gli indiani pellerossa d’America la utilizzavano soprattutto come infuso per superare il freddo quasi glaciale dei lunghi inverni.
Nel XVII secolo, la medicina ne consigliava l’uso in ambito culinario.
Le foglie più morbide e tenere sono ottime per insaporire formaggi freschi e insalate.
Utilizzato anche come amaro molto aromatico, essendo un ottimo digestivo.
Recentemente, durante degli scavi, sono stati rinvenuti tra i denti degli scheletri di Neanderthal tracce di piante anti-infiammatorie tra cui l’achillea.
Molto probabilmente utilizzata come scopo medicinale e non per sfamarsi.
Noi di biofabene, abbiamo deciso di proporre prodotti eco-bio con ingredienti naturali come la malva, uno degli elementi essenziali del benessere psico-fisico.
Quel benessere psico-fisico che nasce dalla necessità di risolvere problemi giornalieri che affannano e impensieriscono le nostre giornate.
 

1. Ottimo anti-infiammatorio

L’Achillea è un anti-infiammatorio per natura.
E’ in grado di gestire in modo efficiente l’infiammazione di qualsiasi tipo.
Dalle vie respiratorie all’apparato digerente. Migliora la circolazione e previene l’accumulo dell’acido urico nei muscoli e articolazioni prevenendo eventuali reumatismi e artrite.
 

2. Rimedio contro lo stress e l’insonnia 

Le proprietà dell’achillea sono realmente una benedizione per coloro che soffrono di insonnia e stress eccessivo, che desiderano soltanto un po di relax e un sonno profondo. L’ achillea agisce sulla pressione sanguigna, riducendola e provoca un rilassamento dei muscoli, nervi e il cervello.
Di gran lunga l’ideale è un prodotto naturale che presenta questo tipo di pianta come ingrediente, evitando medicine efficaci ma dannose per la nostra salute.

 

3.Rimedio emostatico

Come racconta la leggenda di Achille, l’achillea presenta ottime proprietà emostatiche che permettono di fermare l’emorragia dovuta a traumi e ferite.
Le ferite guariscono più velocemente e se veniva utilizzata per curare un tempo ferite quasi mortali, fa capire quanto sia potente.

 

4. Ideale per la cura della pelle e dei capelli

L’achillea per le sue ottime proprietà emollienti, risulta essere molto indicato per qualsiasi tipo di pelle.
La pelle risulta essere più liscia, giovane, idratata. Indicata per pelli sensibili.
Le sue proprietà astringenti permettono di rinforzare i capelli, riducendone la perdita.

 

5. Migliora la digestione

L’achillea migliora la digestione, migliorando la secrezione dei succhi digestivi, ripristinando la salute degli altri organi digestivi.
Questa pianta permette di non sentirsi più gonfi, appesantiti per la cattiva digestione.

 

Consigli:

Per preparare un infuso di questa pianta basterà un cucchiaio di fiori di achillea e una tazza d’acqua portata ad ebollizione. Lasciare l’infuso per circa 10 minuti.
Per preparare un decotto basteranno 30 grammi di radice e mezzo litro d’acqua, lasciandola riposare per circa 20 minuti prima di filtrarla.
Se si vuole preparare lo sciroppo di achillea, servirà 1 litro d’acqua, 400 grammi di zucchero e 300 grammi di foglie.
In ambito culinario può essere utilizzato nei formaggi, nelle insalate e nei liquori, essendo un ottimo digestivo.
Bisogna tener presente però che le foglie cotte perdono una parte della loro efficacia.
Ideale, dopo una lunga e faticosa giornata, aggiungere un prodotto naturale all’achillea o dei fiori secchi nell’acqua da bagno, un bagno rigenerante e rilassante.

 

Come ogni cosa, non bisogna abusarne

Il dosaggio elevato di achillea può provocare mal di testa e irritazione della pelle.
E’ sconsigliata durante la gravidanza e l’allattamento e chi è allergico alle asteracee.
Per il resto non presenta effetti collaterali.

 

Sapevate che…

In Cina la pianta di achillea veniva ritenuta sacra, perché presentava delle particolari virtù ideali per la divinazione.
L’ achillea è citata nell’ I ching, il libro dei mutamenti tra i più antichi al mondo, risalente a circa 3000 anni fa.
Nel libro viene indicato tradizionalmente il rituale svolto con gli steli di achillea, che rappresentano lo Yin e Yang dell’universo, in un equilibrio perfetto.
 

Ma come si estrae l’oleolito di achillea??

Per realizzare l’oleolito di achillea bisogna seguire con cura diversi procedimenti.
Bisogna prendere i fiori essiccati di achillea e riporli in un vaso di vetro trasparente.
Poi si utilizza l’olio extravergine di oliva per ricoprire i fiori all’interno del vaso, chiudendola ermeticamente per un ottima conservazione.
Il procedimento di estrazione tramite decozione solare implica non solo questi procedimenti ma l’esposizione al sole per una settimana del vaso di vetro.
Una volta rimescolato quotidianamente per sette giorni, viene travasato in un altro vaso di vetro. L’esposizione al sole deve essere per circa mezza giornata.
Dopo un mese finalmente l’olio presenterà i principi attivi dell’achillea.

 

Marcello Paglialonga – Biofabene.it

 

1 response

  1. Anna :

    Complimenti per gli articoli che pubblicate sul blog.
    E’ sempre un piacere leggerli e scoprire l’estrema e variegata validità ed utilità delle diverse piante e, di conseguenza, dei prodotti bio ad esse collegate.

Lascia un commento